Dipendenza: alcol, droghe e Ansia

 

 

L’ abuso di alcol e droghe può portare alla Dipendenza ed a disturbi d’ansia piuttosto seri, oltre che alla depressione e ad attacchi di panico.

Dipendenza Chi fa uso di sostanze stupefacenti o alcol, si sente tutt’altro che depresso: assumere una sostanza che alteri la coscienza significa volersi porre in posizione antitetica rispetto alla tristezza e all’autocommiserazione, pertanto il cervello reagirà in maniera euforica di fronte alle sostanze assunte.

A seconda del tipo di sostanza, i danni al cervello cambiano. Di questi, la capacità di provare piacere e l’umore stabile, sono i primi due martiri della dipendenza.

Apatia, abulia, carenza di stimoli sono le tre “parche” riuscite a controllare di più il proprio cervello, il quale chiede instancabilmente la sostanza euforica per poter funzionare, e ciò provoca necessariamente una Dipendenza che trascina con sé una forma di ansia acuta.

La paura della crisi d’astinenza sembra sempre dietro la porta, il panico prende il sopravvento e l’unica cosa importante in quel momento, è riuscire ad avere anche solo un piccolo assaggio di ciò di cui si sente così maledettamente il bisogno. A lungo andare si comincia a recepire la propria esistenza come quella di falliti cronici, si perde l’interesse a vivere e la depressione prende in mano la situazione, incrementando ancor più la necessità di sentirsi vivi ed euforici tramite sostanze stupefacenti o alcol.

 

Dipendenza :Curare l’ansia  con droghe e alcol? NO!

 

Molte persone tentano di affogare i propri problemi di ansia e depressione con alcol e droghe: ciò implica un circolo vizioso fatto di dolore, buio e dipendenza.

Chi soffre di disturbi legati all’ansia abusa non solo di alcol e droghe, ma anche di tranquillanti e ansiolitici, per alleviare la paura di non riuscire a superare i propri problemi e di non sentirsi realizzati. Ogni droga provoca l’incapacità di mantenere viva l’attenzione, di ricordare con chiarezza le cose e di riuscire a parlare.

A lungo termine si possono avere effetti simili alla demenza, col rischio di non poter più a ricordare il proprio passato, né le informazioni più basilari apprese nel corso della vita. D’altra parte ansia, attacchi di panico, ossessioni e compulsioni vengono amplificati dalla dipendenza verso droghe e alcol, generando problemi sociali, sessuali e problemi relativi al sonno.

L’astinenza, per contro, oltre ad effetti sul corpo come vomito, nausea, sudorazione e dolori muscolari, crea disagi di natura mentale, amplificando irritabilità, aggressività, depressione ed attacchi di ansia.

Curare l’ansia con l’uso di droghe e alcol può spingere la propria vita verso degli ostacoli futuri molto più gravi: malattie, disturbi psichici e fisici o, peggio, la morte. Curare l’ansia significa uscire da tutto ciò, lasciandosi aiutare da chi già ci è riuscito.

“Come ho vinto l’Ansia”, di Andrea Monti, rappresenta uno stimolo diverso, un sostegno sano e positivo, e non è altro che un manuale scritto da chi l’ansia l’ha vissuta, affrontata e sconfitta davvero.

Con le sue tecniche e i suoi metodi, potrete uscire per sempre dal dolore e ricominciare a vivere con un sorriso rinnovato.

Ultimo aggiornamento:ottobre 2, 2014